Canti Dei Lager
Dischi del Sole DS 137/39
(LP, Italia, 1966)
Margot - A. Kulisiewicz - S. Przybylska - G. Marini - Coro popolare russo di Voronez - Coro della Milizia operaia ungherese
S. Pisu - F. Coggiola - S. Liberovici - M. L. Straniero - Coro della Polizia popolare tedesca - A. Del Pozo - F. Jansen.
  1. A Compigne
  2. Figli di mamma in KZ (Aleksander Kulisiewicz, 1942, "Mamysinek w koncentratku")
  3. Rifka e il sabato (Testo di Pesach Kaplan su unaria popolare)
  4. Stornelli di Regina Coeli (Scritta da Antonicelli in carcere nel 1943 (da cui il nome), la canzone va cantata sull'aria del "Sor Capanna". nota anche con il titolo "Un giorno Mussolini and al balcone")
  5. Canzone dei Pirenei
  6. Canto d'amore del Voronez
  7. Sulla strada per Marianosztra
  8. Canto dei confinati di Ustica
  9. Doina delle celle "H"
10. Ors compagni di Civitavecchia
11. Canto di Buchenwald
12. La Pepa
13. Canto di prigione tedesco
Stornelli di Regina Coeli

Io so' de San Lorenzo e me n'avanto:
c'avemo bbona lingua e mejo mano!
c'avemo bona lingua e mejo mano,
paura nun avemo di nessuno.

Dentro Reggina Celi c' 'no scalino,
chi nun salisce quello non romano.
Chi nun salisce quello non romano,
non romano e nemmeno trasteverino.

Amore mio, manneme 'na pagnotta,
che quella de Reggina Celi nun m'abbasta,
che quella de Reggina Celi nun m'abbasta,
sinn qua ddentro ce le lascio l'ossa.

Dentro Reggina Celi c' 'na campana:
possi mor ammazzato a cchi la sona!
possi mor ammazzato a cchi la sona,
si la sona lo mio amore, che Dio l'aiuta.

Amore mio, mannemelo un saluto,
dentro Regina Celi sto rinserato;
me trovo come 'n albero dicaduto,
d'amici e da parenti sto abbandonato.

Dentro Regina Celi ce son nato
e co la malavita so' cresciuto,
e co la malavita so' cresciuto
e me so' buttato i 'mmezzo a la mano nera;
me so' buttato i 'mmezzo a la mano nera,
me so' ridotto in fonno d'una galera.

Dentro Reggina Celi c' una branda,
viecce Ninetta mia, falla la ninna,
viecce Ninetta mia, falla la ninna,
quel boja de tuo padre nun te ce manda.

Dentro Reggina Celi c' 'n cancelletto,
de qua e de ll ddue lampade d'argento,
de qua e de ll ddue lampade d'argento
e ddentro c' 'l mi' amore che piange tanto.